Nuova video intervista di Rachel con Us Weekly finalmente!

In occasione della sua collaborazione con i dispositivi Amazon per le feste natalizie, Rachel ha rilasciato una intervista a Us Weekly con Christina Garibaldi, in cui ha parlato di come la quarantena abbia inciso sulla vita sua e di Briar, degli interessi di sua figlia e su come le due trascorreranno le feste.

Nuova intervista con Us Weekly
Fate clic sull’immagine per accedere al video

Ecco di seguito la trascrizione dell’intervista con US Weekly:

US WEEKLY: “Tua figlia ha già iniziato a intuire cosa fanno di mestiere i suoi genitori?”

RACHEL: Fortunatamente non è consapevole che suo padre sia in pratica il peggiore cattivo di tutti i tempi… Probabilmente le tornerà comodo a scuola, perché nessuno vorrà metterlesi contro, ma io dovevo registrare un’audizione, quindi lei sa che cosa facciamo e sa che ci sono degli attori nei suoi show preferiti, perciò ha una piccola percezione, ma non penso [lo comprenda] del tutto.

US WEEKLY: “E so che in questo periodo è stata dura per i genitori single riguardo al crescere insieme i figli. È stata una sfida, per te, o è uno status quo, per cui voi due seguite la corrente?”

RACHEL: In realtà sta andando molto bene ed è anche bello, perché sei confinato in casa quindi il fatto che lei abbia un’altra casa in cui andare è di aiuto, in effetti. Perciò, tutto sommato, sta andando bene.

US WEEKLY: “Ottimo. Sono sicura che a te faccia bene, dirai qualcosa come “Ho bisogno di un po’ di tempo per me, ho bisogno di un po’ di tempo per rilassarmi!”

RACHEL: Oh, certo. Sì, ho un po’ di tempo per guardare i miei show preferiti, il che aiuta. Perciò, una sera libera, anche se lei mi manca tutto il tempo, mi fa sentire decisamente grata.

US WEEKLY: “Adesso che lei ha sei anni, sono sicura che avrà un sacco di interessi diversi: quali sono alcuni degli interessi che ha in questo momento e di cosa non ha mai abbastanza?”

RACHEL: Sai cosa è molto divertente? Lei adora tanto la musica: le piacciono gli anni ’80, in realtà, il che per me è davvero divertente, visto che sono cresciuta negli anni ’80, quindi sono emozionata che lei riceverà per Natale l’Echo Dot, che era in cima alla sua lista, perché potrà chiedere “Fammi sentire una playlist di musica anni ’80” e avrà la sua playlist di musica anni ’80 – ed è molto appropriato, perché c’è anche il parental control, per fortuna – ma semplicemente adoro che lei sia appassionata di questa roba, ha appena ricevuto un walkman e le piace la musica, quindi il fatto che possa controllarla sarà molto divertente per lei e anche per me, perché la intrattenerà.

US WEEKLY: “Adoro che lei abbia un walkman: è grandioso!”

RACHEL: Oh, sì.

Ma l’intervista con US Weekly non finisce qui…

US WEEKLY: “E ha cominciato a mostrare interesse per la recitazione?”

RACHEL: Lei è molto espressiva e mette sempre su degli spettacolini, quindi sono un po’ terrorizzata che vorrà entrare in quel mondo, un giorno. Cioè, io rimanderò il tutto a quando sarà un’adulta, così potrà decidere lei, ma si mette a fare un gioco che dice “Mostrami una faccia felice” ed è talmente brava in questo che fa quasi paura.

US WEEKLY: “Sta imparando da una delle migliori! Le hai mostrato un po’ del tuo lavoro? Lei ha visto qualcosa di Hart of Dixie o qualcosa del genere?”

RACHEL: Assolutamente no. Sto tergiversando su questo, decisamente. Ho partecipato ad un talk show su Disney+, “Earth to Ned”, in cui ci sono dei pupazzi e quindi lei è riuscita a guardare quell’intervista, il che è un po’ strano, visto che parlavo di lei, perciò l’ha un po’ confusa, ma è l’unica cosa che lei ha visto.

US WEEKLY: “Che cosa hai imparato maggiormente su te stessa durante questo periodo?”

RACHEL: Quanto [io sia] resiliente. Penso di aver notato quanto io sia forte, perché ci sono state sicuramente tantissime sfide, per la salute mentale e tutto il resto, quindi essere consapevole del fatto che non ho mai avuto difficoltà con questo prima nella mia vita ha portato a galla tutte queste sfide e mi sono detta “Ok, tu sei prima di tutto una mamma e quindi puoi superare ogni cosa” – questo è stato un po’ il mio motto.

US WEEKLY: “Cosa stai aspettando di più in questa stagione delle feste e in che modo la manterrai il più normale possibile per te e tua figlia?”

RACHEL: Beh, il Natale è sempre emozionante, perché lei ovviamente è ancora presissima da Babbo Natale, perciò è sempre molto divertente. E, con la mia famiglia, cerchiamo di mantenere le tradizioni così siamo in grado di ritrovarci tutti insieme, il che è bellissimo. Per me, onestamente, Alexa è stata una manna dal cielo: mi mantiene sana di mente e connessa in ogni modo – mi dà dei promemoria, perché il cervello da mamma è ancora di più in difetto durante la quarantena, ma sì, il Natale è semplicemente divertentissimo e cerco di trarne il meglio e di fare del mio meglio.

US WEEKLY: “Quali sono alcune delle tradizioni che avevi nella tua infanzia e che hai trasmesso a tua figlia?”

RACHEL: Ci sono i biscotti di Natale: ogni anno mia madre prepara gli stessi e quest’anno siamo riusciti a prepararli con Briar e la cosa per cui sono più impaziente è che ogni Vigilia di Natale facciamo una sontuosa cena italiana – tutto fatto in casa, con la salsa, le polpette e tutto quanto: sono davvero emozionata per questo, perché di solito per Natale siamo in Canada, quindi sarà piacevole quest’anno fare le tradizioni della mia famiglia, che negli altri anni non siamo riuscite a fare più di tanto con lei, perciò non vedo l’ora.

US WEEKLY: “E come, durante questo periodo, questa quarantena, queste feste, intrattieni te e tua figlia? So che prima hai detto che Alexa ti ha aiutato molto, ma cos’altro ti sta aiutando?”

RACHEL: Oh, certo. Per quanto riguarda l’intrattenerci, io sono super indecisa, perciò chiedo semplicemente ad Alexa di decidere per me, praticamente, e questa è stata fondamentalmente la mia salvezza. E rimanere connessa, tramite le videochiamate, è stato d’aiuto… Preparare insieme dolci da forno: a mia figlia piace essere creativa, io provo ad incoraggiarla a cercare le ricette, mentre lei fa di testa sua… Sono mangiabili? Opinabile. Devo mangiarli? Certo. È stata una sfida, ma è bello avere così tanto tempo da trascorrere insieme e avere la possibilità di conoscere mia figlia ad un altro livello, cosa che… Ovviamente conosci tua figlia, ma, specialmente alla sua età (ha appena compiuto sei anni), sto davvero apprezzando questo periodo e questa età, sapendo che alla fine lei non vorrà che la mamma le rimbocchi le coperte o le legga una storia o giocare con lei, quindi è stato davvero bello sotto questo aspetto.

Come sempre si ringrazia Silvia per la traduzione di questa nuova intervista con Us Weekly!